top of page

[TRAD ITA] Dalla lingua dei segni internazionale in “Permission To Dance” ad un mondo senza barriere

Uno sguardo ravvicinato alle barriere nella cultura pop


“Mi sono sentita come se la distanza tra me e i BTS si fosse ridotta”, ha detto la YouTuber hamonthly, spiegando cosa abbia significato l’utilizzo, nella coreografia di “Permission To Dance”, della lingua dei segni internazionale. hamonthly, Youtuber sorda, carica solitamente sul suo omonimo canale, video riguardanti la sua vita e la perdita dell’udito. La stessa ha caricato a luglio un video reaction al video musicale “Permission To Dance”, la ragione è la coreografia della canzone, che come ben si sa, presenta tre segni della lingua dei segni internazionale: il segno che indica il divertimento, quello che indica il ballo e quello che simboleggia la pace. Secondo le parole di Son Sung Deuk, a capo del team di direzione della BIGHIT MUSIC, la presenza della lingua internazionale dei segni nella coreografia “è stata pensata con l’intento di creare un’esibizione che potesse essere seguita da tutti senza problemi – l’intento era quello di dare al termine “tutti” la portata più ampia possibile”. “Dal punto di vista di una persona che usa la lingua dei segni, la lingua dei segni è la sua lingua madre” ha detto hamonthly, spiegando come la lingua dei segni internazionale sia stata creata per ridurre il più possibile la distanza tra le persone. Per chi usa la lingua dei segni, ha detto, “il coreano è essenzialmente una lingua straniera”, quindi è come se ci trovassimo a salutare una persona che parla la nostra lingua in un paese diverso. Come ha detto hamonthly per le persone sorde, la lingua dei segni, è la loro lingua madre. Secondo la legge sulla lingua dei segni coreana, emanata nel 2016, la lingua dei segni coreana è riconosciuta come lingua ufficiale, alla stregua del coreano. Le due lingue hanno le loro proprie regole grammaticali e usano un ordine differente delle parole. La lingua dei segni internazionale invece, offre la possibilità alle persone sorde che usano la lingua dei segni, e che appartengono a paesi diversi, di comunicare tra di loro, e dato che non vi è un sistema fisso come quello presente in Corea o in America, la lingua dei segni internazionale è soggetta a cambiamenti a seconda della regione e degli utenti; perciò, la sua stessa denominazione rimane oggetto di dibattito. Questo significa che “Ci sono state delle difficoltà, perché la lingua dei segni internazionale non ha una normativa ufficiale”, ha spiegato Son, aggiungendo poi che “abbiamo fatto diversi controlli concentrandoci sul fatto che il significato fosse trasmesso in maniera precisa alle persone sorde in maniera individuale”. Tutti pensavo e definiscono la loro identità attraverso il linguaggio. Diversamente dalle persone udenti, le persone sorde devono “vedere” la loro lingua, e perciò la lingua dei segni è parte di chi sono. Secondo Jung Heechan, direttore generale della Associazione Nazionale dei Sordi Coreana, “La lingua internazionale dei segni è stata creata attraverso segni con significati tra loro compatibili”. Ha definito la comunicazione che gli utenti creano tra di loro il cuore della lingua internazionale dei segni, aggiungendo: “La cultura dei non udenti possiede la sua identità e i suoi pensieri”. Anche hamonthly condivide questo pensiero: “La lingua dei segni coreana mi ha aiutato a trovare la risposta ad alcune domande, ad esempio “Chi sono?”” Ha evidenziato come sia uno sviluppo positivo l’inclusione della lingua dei segni nella parte che fa “da na na na” in “Permission to Dance”, dato che la lingua dei segni coreana è una lingua a parte e non una sostituta del coreano. È qualcosa che ha potuto apprezzare e che non è direttamente legato alla musica, perché “i suoni e i beat sono importanti nella musica, ma non sono qualcosa di cui io ho bisogno.” Ha anche enfatizzato come adattare o copiare il testo, che è pensato per la musica, nella lingua dei segni in modo diretto, cambierebbe la lingua dei segni o il significato originale della lingua dei segni.


Jung ha detto di essere “venuto a sapere che le persone si sono interessate al linguaggio dei segni” dopo che il linguaggio internazionale dei segni è apparso in "Permission to Dance". hamonthly ha detto di essere "felice dell'interesse per il LIS”, ma allo stesso tempo ha sottolineato quanto sia importante che diventi un'opportunità per "estendere" quell'interesse "alla vita delle persone sorde". In altre parole, il grande pubblico deve pensare anche a come le persone sorde e le altre persone con disabilità possono godersi cose come concerti, incontri con i fan, live streaming e altro, senza barriere all'accessibilità. Sempre hamonthly ha parlato del processo che le persone sorde seguono per poter assistere a uno spettacolo come esempio illustrativo di tali barriere: dopo aver acquistato un biglietto, "devi chiamare l’ufficio competente per vedere se è possibile ricevere la traduzione nella lingua dei segni, la traduzione tramite un messaggio di testo o una stenografia, ma se una persona sorda ha bisogno di fare una chiamata”, deve "usare un servizio di inoltro delle telecomunicazioni". E anche una volta connessi, a volte ricevono delle risposte scortesi, come il rifiuto immediato della loro richiesta di un interprete. Quando ciò accade, possono finire per dover lottare per i propri diritti inviando documenti tramite un'organizzazione. hamonthly ha detto che ci sono molte persone sorde "che si sentono esauste, ma che non rinunciano a cercare di vedere dal vivo qualcuno che a loro piace".


Allo stesso modo, c'è ancora molto da fare per quanto riguarda i problemi di accessibilità culturale in Corea. Di certo ci si sta sforzando sempre di più per attuare un concept privo di barriere, sia fisicamente che sul piano politico, in considerazione dell'accessibilità per i disabili e gli anziani. I sottotitoli in lingua coreana sono un esempio di servizio privo di barriere ben noto alle persone senza disabilità e che ha iniziato ad essere offerto da vari servizi di media over-the-top (OTT) a partire dall'introduzione di Netflix nel paese. I sottotitoli forniscono anche dettagli su chi parla e altri dettagli uditivi, insieme ad una trascrizione del dialogo tra i personaggi. Esistono anche servizi di audiodescrizione che forniscono informazioni visive attraverso il parlato per non vedenti e ipovedenti. Mentre influenti aziende globali iniziano a fornire sottotitoli e descrizioni audio in tutto il mondo, di recente molte voci si sono sollevate chiedendo che questi servizi vengano introdotti anche su piattaforme nazionali simili, e il cambiamento sta avvenendo. hamonthly, tuttavia, ha affermato che i sottotitoli in coreano non sono ancora prontamente forniti per tutti i contenuti, e che è "sconcertata quando su alcuni media coreani ci sono sottotitoli in inglese, ma nessun in coreano". Inoltre, è difficile trovare i sottotitoli per le trasmissioni in diretta; di solito c'è un periodo di attesa prima che vengano aggiunti. Jung ha detto che questo crea un problema per cui le persone sono costrette a guardare "ciò che viene fornito, non ciò che vogliono", il che significa che "le persone per cui i sottotitoli sono rilevanti non hanno libertà di scelta". Jung ha sottolineato la questione, osservando come "l'interpretazione attraverso la lingua dei segni sia diventata più evidente che mai a causa delle trasmissioni di emergenza durante la pandemia, ma ci sono ancora problemi quando si tratta di aumentarne la qualità e la copertura, che ammonta solo a circa il 7% di tutto ciò che viene trasmesso”. Media OTT e servizi simili non sono una soluzione completa al problema a causa “dell'onere finanziario” e del "problema di accessibilità per le persone anziane che hanno difficoltà a comprendere e utilizzare i sottotitoli".


hamonthly ha detto che ha “avuto difficoltà a percepire un reale cambiamento" anche se recentemente i problemi riguardanti le barriere all’accessibilità sono venuti alla ribalta. Ad esempio, il numero di film nazionali nelle sale con sottotitoli coreani e il numero delle loro proiezioni è molto basso. Esistono soluzioni tecnologiche alternative, come "occhiali intelligenti” o “fornire la sceneggiatura del film", ma non vengono utilizzate, ha detto, spiegando che è difficile sentire un vero cambiamento perché la mancanza di opzioni significa che deve "adattare se stessa al contesto esistente”. Rimangono problemi anche al di là dei film stessi. Kim Soo-Jung, il direttore del Korean Barrier Free Films Committee (KOBAFF), che crea sottotitoli privi di barriere per i film e tiene il Seoul Barrier Free Film Festival, ha criticato ogni parte del processo [dell’andare al cinema], dall'entrare nell’edificio e comprare i biglietti all’entrare in teatro e godersi lo spettacolo, per essere disseminato di difficoltà. “Anche l'uso dei chioschi è diventato un problema ultimamente. È anche difficile per le persone cieche sapere in quale direzione puntano le frecce in caso di un’evacuazione d’emergenza", suggerendo che tutte queste cose devono essere migliorate.


Lo stesso si può dire delle esibizioni in live. Kim Minjung è il produttore della Seoul Foundation for Arts and Culture, la quale ha partecipato al progetto di esibizione senza barriere tenutosi come programma stagionale della Namsan Arts Center 2019. Kim al tempo aveva spiegato come fosse necessario “fornire o potenziare le strutture della sede per migliorare l’accessibilità fisica”, inclusa la revisione dei cartelloni didattici Braille e le pavimentazioni tattili per i non vedenti, così come fare in modo che non ci fossero problemi per il movimento con sedie a rotelle. In aggiunta a sale espositive, attrazioni turistiche e luoghi di spettacolo, ci sono ancora considerazioni e miglioramenti da attuare nei dintorni di luoghi quotidiani in modo che tutti possano averne libero accesso, insieme alle informazioni e i supporti lì situati. hamonthly ha spiegato che spettacoli di lunga durata caratterizzati dalla presenza di molteplici artisti dovrebbero avere dai due ai tre segnanti come minimo che facciano a turno e che siano situati di fronte ai membri non udenti del pubblico. Pensa anche che sia necessario considerare “dove i segnanti dovrebbero essere per i posti in piedi” e come procedere nell' “eventualità che molteplici persone non udenti facciano richiesta” dei loro servizi. Ha aggiunto che, anche se l’interpretazione per il linguaggio dei segni è provvisto, se non è pubblicizzato abbastanza, il servizio rischia in ultima analisi di rimanere inutilizzato da coloro che ne beneficierebbero. Devono essere attuati anche miglioramenti legali appropriati per dirigere l’attenzione su inadeguatezze di questo genere. Allo stesso tempo, Kim Soo-Jung ha detto, “Anche se stai interpretando la stessa frase, è con quali sensibilità tu la stia interpretando quello che più importa.” E pertanto, qualsiasi miglioramento effettuato alla società coinvolge una volontà nel comunicare con i soggetti influenzati.


“Da due o tre anni, sono stati prodotti diversi spettacoli senza barriere,” ha detto Kim Minjung. In altre parole, i problemi che sono sempre esistiti con l’andare ai teatri stanno emergendo solo ora. Kim ha detto che “c’erano diverse problematiche ad ogni spettacolo” e che ha parlato con i direttori a riguardo di, per esempio, “dove posizionare i segnanti” in uno spettacolo con diversi attori e "come l’informazione sonora e visiva sarebbe stata espressa tramite interpretazione testuale e descrizione audio.” Kim Soo-Jung ha descritto anche come, con il recente aumento della necessità di sottotitoli nei servizi OTT, un problema dove diverse piattaforme ripetono lo sforzo di scrivere i propri sottotitoli per lo stesso spettacolo “sono ora diventanti apparenti.” Il fatto che i segnanti siano ora assunti per gli spettacoli non è una soluzione one-stop all’intero problema; inevitabilmente ci saranno molte più sfide che seguiranno.


Il “barriere” nel “senza barriere”, ha detto Jung, è un altro modo per dire “comunicazione tra la comunità sorda e il resto del mondo.” Questo si collega a quello che aveva detto Kim Minjung in un forum—che l’accessibilità non è “un valore portato avanti dal desiderio di cambiamento di un gruppo, ma è una mentalità” detenuta da “tutta la società.” Ha spiegato il principio dell’accessibilità: La creazione e fruizione dell’arte è in discussione nel campo delle arti “riguardo la non categorizzazione dei disabili e il non trattarli come esseri inusuali ma, dai bambini agli anziani, come soggetti individuali con personalità distinte.” Ideali senza barriere, i quali nascono da problemi di accessibilità territoriale, fondamentalmente sono concepiti per beneficiare molto più che i disabili. Gli ascensori installati nelle stazioni della metropolitana, in risposta alla sforzo per garantire alle persone disabili il diritto di libero movimento, hanno dimostrato di essere convenienti per gli anziani che non hanno alcuna disabilità. Gli screening della KOBAFF favorevoli a chi soffre di demenza, ha spiegato Kim Soo-Jung, non solo provvedono un’esperienza cinematografica senza barriere con abbondanti spiegazioni, ma si concentrano anche sull’offrire un ambiente visivamente e psicologicamente gradevole per i pazienti affetti da demenza che si sentono a disagio in luoghi estranei. Il processo di creazione di un mondo senza barriere risulta anche in esperienze un po’ più d’aiuto per persone senza disabilità nella loro vita quotidiana. “Ho visto un commento da parte di una persona udente che diceva fosse più facile capire cosa stesse guardando sul suo servizio OTT quando mette i sottotitoli coreani” ha detto hamonthly. “Quel che è positivo per coloro che riescono a sentire provvede convenienze anche ai non udenti e a coloro che hanno difficoltà a sentire.”


Nonostante questo, Netflix ha iniziato ad aggiungere sottotitoli ai propri servizi perché la National Association of the Deaf negli Stati Uniti ha vinto una causa contro di loro nel 2010. Chiaramente, assicurare diritti per i disabili che non sono ancora stati resi loro disponibili dalla legge, dovrebbe avere sempre la priorità in questa discussione. Politiche senza barriere come tutte quelle menzionate in questo articolo si stanno ora implementando pian piano ovunque nella società e sono il risultato di una serie di movimenti portati avanti da persone disabili per un lungo periodo di tempo. D’altro canto, però, la discussione non può essere esclusa in una conversazione, come se non riguardasse le persone senza disabilità. È un problema che dobbiamo risolvere insieme—tu, io, le persone a me vicine, e tutti i membri della società.


La prima persona che vediamo nel music video di “Permission to Dance” è una donna che lavora in un ristorante. Il video mostra una serie di altre persone—postini, addetti alle pulizie, bambini, studenti—che vivono e lavorano intorno a noi, ma i quali fanno parte di una categoria di persone le cui difficoltà, sin da quando ci colpì la pandemia, non sono visibili in maniera sufficiente. Sicuramente non è una coincidenza che i BTS abbiano deciso di fare luce su individui del genere nel loro music video, utilizzando anche il LIS. I BTS hanno anche avuto dei segnanti in alcuni loro spettacoli due anni fa. Quel che è ancora più importante di quel che hanno compiuto i BTS, tuttavia, è la discussione in corso riguardo le problematiche sollevate e se riescono a risultare in qualcosa che migliori le vite delle persone non udenti e, in aggiunta, tutte le persone con disabilità. Questo, ha detto hamonthly, necessita di “continua attenzione, non curiosità.” E ha aggiunto un’altra cosa.


“Ci sono molte più persone sorde intorno a te di quanto tu possa pensare.”

Traduzione a cura di BTS ITALIA | @BTSItalia_twt (©Lilac, Rebecca, Mary). Prendere solo con crediti.

486 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page