top of page

BTS Suga riflette su "D-2", il suo nuovo mixtape solista come Agust D

Aggiornamento: 9 apr 2023




Negli ultimi quattro anni sono cambiate molte cose per la star sudcoreana Min Yoongi, conosciuta da milioni di fan come l'idol SUGA del gruppo k-pop BTS e dai follower della sua carriera rap come l'artista Agust D. Nel 2016, i BTS stavano facendo progressi verso la carriera da superstar, un settetto in ascesa nell'universo K-pop che aveva appena iniziato a pubblicare i progetti da record per cui ora sono noti. È stato anche l'anno in cui Min ha pubblicato il suo primo mixtape solista, Agust D, una serie di tracce sorprendentemente schiette ed oneste che lo hanno visto affrontare i demoni della salute mentale ed abbracciare la sua spavalderia rap su duri ritmi hip-hop.




Quattro anni dopo, è tornato: questa volta a sorpresa, rilasciando il suo secondo mixtape solista, D-2, il 22 maggio dopo una settimana di criptici teaser condivisi sui social media. È un momento strano per tutto il mondo, e l'industria K-pop e gli artisti di tutto il mondo non sono esclusi; proprio ora, i BTS avrebbero dovuto essere nel pieno di un vincente tour mondiale, raccogliendo i frutti del rilascio di febbraio, Map of the Soul: 7. (Questo fine settimana avrebbe segnato le loro esibizioni al MetLife Stadium del New Jersey.) Invece, SUGA e gli altri sei membri del gruppo sono tutti bloccati in un posto, come molti di noi, forse per il periodo più lungo della loro carriera.


Il TIME si è collegato con SUGA prima dell'uscita di D-2, per discutere i temi complessi e le ispirazioni del suo nuovo lavoro, dai testi riflessivi di "Moonlight" all'occhio critico di "Strange", composto insieme a RM. Le sue risposte, tradotte qui in inglese, offrono un assaggio di un artista che è sempre stato profondamente consapevole della sua presenza nella scena pubblica e reticente nello spiegarsi troppo, lasciando invece che il suo lavoro parli per lui. "Ciò che è buono è buono", il motto che ha espresso al TIME, è un ethos che ha spesso guidato la sua persona: una star umile e alla mano, con molto da dire se ci si prende il tempo di ascoltare attentamente.


Non è l'unico membro dei BTS a rilasciare un progetto solista: anche RM e j-hope hanno condiviso le loro "testimonianze" individuali. Ma è l'unico ad adottare un alter ego quando lo fa. "Posso mostrare un lato più crudo di me stesso", spiega della persona di Agust D. E del suo obiettivo: "Ho fatto la musica che volevo fare, piuttosto che fissarmi sul tentativo di fare qualcosa di nuovo". Anche prima dell'uscita D-2, i fan si sono assicurati che il suo progetto fosse di tendenza sui social media. Questa è la storia dei BTS, e Agust D ne viene inevitabilmente coinvolto.




Hai trascorso sette anni come parte dei BTS e il tuo primo mixtape solista è uscito nel 2016. Tempo, cambiamento e crescita si riflettono in questo (nuovo) mixtape, in particolare nella prima traccia "Moonlight". Riflettendo sugli ultimi anni, cosa è cambiato?

La mia vita è la stessa. I miei modi di lavorare e la routine quotidiana non sono cambiati molto. Forse la mia posizione nell'industria musicale? Dal punto di vista del musicista, un cambiamento potrebbe essere che ho avuto dei buoni risultati con gli album dei BTS o con altri lavori esterni. Personalmente, sono diventato più maturo rispetto al 2016.



Canzoni come "Daechwita" includono tradizioni coreane sia nei testi che in forma musicale, usando la narrazione Pansori e le percussioni Kkwaenggwari. Perché è importante per te continuare ad includere influenze musicali coreane nella tua musica? Il tema di "Daechwita" era già nella mia mente quando ho iniziato a lavorare su questa traccia, quindi ho provato il suono di una vera Daechwita. Il primo pensiero che ho avuto è stato quello di voler utilizzare la musica che veniva suonata durante la marcia cerimoniale del Re, quindi, naturalmente, gli elementi coreani sono diventati una componente essenziale della traccia e del video musicale.



Quest'anno hai collaborato con una vasta gamma di artisti, comparendo nell'album di Halsey, pubblicando un nuovo singolo con IU ed ora includendo le voci MAX, NiiHWA, Kim Jong-wan e RM per il tuo progetto. Per te, cosa rende una collaborazione efficace? Sono grato a tutti coloro che hanno avuto delle buone cose da dire sulla mia musica, in particolare a Kim Jong-wan dei NELL, che mi ha detto che gli è piaciuto ascoltare il mio primo mixtape del 2016. La mia filosofia nel lavoro è "ciò che è buono è buono", quindi penso di essere abbastanza bravo nell'adattarmi agli standard di ogni individuo.



Qual è la differenza tra Agust D, il rapper solista, e SUGA, il membro BTS? Cosa rimane lo stesso? La differenza è che [con Agust D] posso esprimere apertamente molte più cose e mostrare un lato più crudo di me stesso. La cosa simile è che entrambi cantano di sogni e speranze.



In "Strange", esprimi preoccupazioni su alcuni aspetti della società e sulla solitudine che può derivare da un'opinione diversa. Pensi che sia importante per i personaggi pubblici come te sfidare le norme sociali e sollevare domande su come viviamo?

Ho solo lanciato il punto interrogativo; spetta a ciascun individuo decidere. Secondo la mia opinione personale, spesso è meglio, per coloro che hanno una certa influenza sugli altri, essere cauti nell'esprimere a gran voce le loro opinioni distorte.



Trap, hip-hop, rock, pop e R&B compaiono tutti su questo mixtape, persino nelle stesse canzoni. Questo mix di stili è una firma dei BTS ed era presente anche nel tuo primo mixtape. È anche diventato una norma in tutto il panorama del pop globale. Come produttore, come hai provato ad innovare o provare qualcosa di nuovo in questo mixtape?

Ho fatto la musica che volevo fare, piuttosto che tentare di fare qualcosa di nuovo. Non sono troppo puntiglioso nei generi o nei crossover tra di essi. Ciò che è buono è buono, e spetta agli ascoltatori giudicare. Faccio solo quello che voglio fare.



C'è qualcos'altro che vorresti che gli ascoltatori sapessero di questo progetto, della tua esperienza nella creazione e di come stai gestendo gli inaspettati cambiamenti di questa primavera?

È bene sapere che va bene quando le cose vanno in una direzione non prevista, perché puoi sempre ricominciare da capo. Mantieni la calma, prendi la migliore opzione successiva e vai avanti.





Fonte: TIME Traduzione italiana a cura di BTS Italia (naive) Prendere solo con crediti

553 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page